I veneti (e in particolare il Marcus) piacciono di più… anche dei toscani

 
Data: 
Mercoledì 8 Febbraio 2012

Navigando su internet abbiamo trovato una degustazione che ci riguarda che si è tenuta a osterie moderne dal sodalizio enogastronomico “il circolo vizioso”. Lasciamo a loro la parola di quanto hanno scritto nel loro blog. “Il confronto Veneto - Toscana a priori sembrava impari , ma bicchiere dopo bicchiere abbiamo potuto constatare che la sfida era tra due concezioni di fare vino molto diverse tra loro.Alla fine abbiamo piu o meno concordato che la maggioranza dei vini veneti presentava una marcata freschezza , una capacità di essere bevuti tranquillamente , e una serie incredibile di sapori e profumi ( da segnalare il Marcus di Sambin ) ,mentre per i vini toscani abbiamo riscontrato una spiccata eleganza , profumi non esaltanti ( questo forse dipendeva dai tempi di apertura delle bottiglie ) e una uniformità di gusto. (…)Tra questi più di tutti mi si sono impressi il Marcus e il Lupicaia per personalità e carattere e a seguire il Tignanello e Relogio per struttura ed equilibrio. Ho ben impressa anche l’eleganza del Sassicaia, ma qui come per Solaia, Ornellaia è mancato il tempo necessario alla loro complessa struttura per esprimersi a pieno ad iniziare dai profumi stranamente assenti…”